Titane

Titane ★★½

È una fortuna che negli anni mi sia tenuto alla larga da Raw, perché avevo intuito (e ci voleva poco) che l'esordio della Ducournau appartiene a quel filone di cui questo Titane è proprio la quintessenza: un cinema che innalza a scopo primario l'urticante-provocatorio-disturbante, e a quello sacrifica tutto. Non ho nulla contro chi ne tesse lodi sperticate, ma è una scarpa che non calzo.

Al netto di idiosincrasie personali, però, mi pare diffusa una certa tendenza a glissare sulle criticità del film, tendenza che è scontato spiegare con il recente trionfo a Cannes, per molti legittimante a priori. E invece questo coming of age femminista e fluido, trash d'autore o merda d'artista, estremizzazione intellettivamente prepuberale di Cronenberg, di problemi ne ha parecchi.

Perché anche sorvolando sull'elargizione non richiesta delle solite tarantinate, o su dettagli pseudo-scabrosi pressoché inutili ma funzionali al disturbante di cui sopra (le siringhe del padre di Adrien, il quasi involontariamente comico momento «questa è benzina, e io mi do fuoco» etc.), ho l'impressione che Titane sia un film fuori tempo massimo, ancorato agli ingranaggi e all'olio motore in un mondo digitale di connessioni invisibili, un film che ha davvero poco da dire sulla contemporaneità (cosa che non mi aspetterei da una pellicola vincitrice della Palma d'oro) - se non forse per un discorso interessante sulla gravidanza come trauma che è comunque tema vecchio come il cucco.

Nonostante la Ducournau abbia certamente occhio e sia capace di immagini suggestive grazie a una buona sensibilità registica (il ballo a tinte viola nella caserma dei pompieri etc.), vedo poco per cui spellarsi le mani, a meno che non si vada in brodo di giuggiole per una banalizzazione insostenibile di Crash, intenta a barattare cosuccie come la convergenza sesso-pulsioni di morte e l'attrazione torbida per le menomazioni con una galleria di nudi frontali assolutamente gratuiti e buoni forse soltanto a scandalizzare qualche parruccone.

Garamans liked these reviews