Favorite films

  • Le Samouraï
  • Apocalypse Now
  • Taxi Driver
  • Breathless

Recent activity

All
  • Mr. Harrigan's Phone

    ★★½

  • The Wolfman

  • Interview with the Vampire

    ★★★

  • A Lizard in a Woman's Skin

    ★★★½

Recent reviews

More
  • Mr. Harrigan's Phone

    Mr. Harrigan's Phone

    ★★½

    Filmetto netflix a tinte horror tratto da un racconto breve di King. La pellicola trova i suoi punti di forza nell'emotivita' e in una critica interessante e anche un po' "boomer" sull'era digitale odierna.
    Fallisce ritmicamente, una prima parte lenta e inutile ed una seconda troppo frettolosa. Climax mal gestito. Elemento sovrannaturale davvero becero e forzato che non aggiunge nulla alla storia.
    E alla fine un Jacob Martell che scusate, ma pur essendo effettivamente di quell'età, non risulta credibile guidando…

  • The Wolfman

    The Wolfman

    Cosa cristo è quest'abominio?
    Il film prova pure a fare la pellicola impegnata cercando di rievocare le atmosfere e la fotografia del capolavoro degli anni 40, ma unite a quelle di un cinecomic moderno del cazzo.
    È un film di supereroi, e sul serio gli sceneggiatori di Morbius si sono ispirati tantissimo a questa perla per scrivere il loro film.
    Antony Hopkins è anche bravo, ma il combattimento finale è una delle cose più imbarazzanti che abbia visto nella mia…

Popular reviews

More
  • Lord of the Ants

    Lord of the Ants

    ★★★★

    La nuova opera di Gianni D'Amelio si dimostra una potente e accurata satira che ci mostra l'Italia anni 60 senza filtri attorno al famoso caso Braimanti.
    Una narrazione efficace al massimo tra flashback e flashforward è la cornice di una storia profonda, intima e libera, che racconta il nostro paese sotto gli occhi di questo intellettuale marxista accusato di plagio e condannato. La prima parte raccoglie tanto d'Italia, tra città e opere d'arte a emblematici personaggi della borghesia e usi…

  • Blonde

    Blonde

    ★★★★

    Blonde è cinema allo stato puro.
    E' qualcosa di mai visto prima, sotto certi versi davvero indescrivibile, e Dominik, col suo stile metacinematografico, onirico, poetico e lento è stato l'uomo giusto a parlare di Maryilin Monroe. O dovrei meglio dire Norma Jeane.
    Capisco le critiche, capisco le stroncatura, tralasciando quelle sull'attrice, è un film talmente atipico, talmente sperimentale, talmente diverso , che si può non apprezzarlo
    Di mio sono stato preso dal primo all'ultimo minuto, una narrazione frammentatissima che esplora…