• The Ghostmaker

    The Ghostmaker

    ★★★

    The Ghostmaker: Un buon film indipendente questa opera prima del regista Mauro Borrelli, The Ghostmaker è un’idea che avrei voluto tanto veder sviluppata in un film ad alto budget ma anche così si difende abbastanza bene, la trama è abbastanza originale e la pellicola suscita l’interesse necessario nello spettatore per arrivare ai titoli di coda senza grossi problemi, carini gli effetti visivi e interessante a livello di design la figura del “demone della bara”, l’unico grosso neo che posso imputare al film è la recitazione, troppo altalenante e discontinua, nonostante questo direi un film più che potabile.
    Voto: 6+

  • Mortal

    Mortal

    ★★

    Mortal: Non c’è che dire, una delusione e mi dispiace molto dirlo perché ci credevo ma questo Mortal (ultima fatica dal regista degli splendidi Autopsy e Scary stories to tell in the dark) è un giro a vuoto incredibile, salvo giusto le ottime atmosfere nordiche oscure del racconto e gli ottimi effetti visivi, davvero belli da vedere, per tutto il resto ho notato una piattezza generale sia nella trama, sia nel cast sia nelle varie situazioni che si susseguono e…

  • Meander

    Meander

    ★★★★

    Meander: davvero una bella sorpresa questo film, i ragazzi di midnight hanno fatto proprio un colpaccio a prenderselo, una pellicola sicuramente non per i claustrofobici 😂 perché di ansia in tal senso ce n’è e pure a pacchi, la trama è super interessante e ti tiene letteralmente incollato alla poltrona, la povera protagonista dovrà affrontarne di ogni tipo all’interno di una lunga serie di interminabili tunnel costellati da mille mila trappole, il finale poi è davvero qualcosa di emozionante, girato bene e con grande mestiere da un regista che sicuramente continuerò a tenere d’occhio nel prossimo futuro, recuperate questa piccola perla!
    Voto: 7,5

  • Christine

    Christine

    ★★★★

    Christine - La Macchina Infernale: Ammetto che non lo rivedevo da parecchi anni questi film di Carpenter, film tra l’altro ripudiato proprio dalle stesso regista e sinceramente non capisco come mai, Christine non è soltanto una delle migliori pellicole tratte dall’operato di Stephen King ma è anche un’opera intelligentissima sulle relazioni interpersonali e sul fatto che le persone siano facilmente manipolabili, specie al giorno d’oggi, un horror incredibile e con una colonna sonora davvero da incubo, Carpenter anche qui si riconferma un grande maestro, la macchina del titolo poi è già di per se iconica!!
    Voto: 7,5

  • Graveyard Shift

    Graveyard Shift

    ★★½

    La Creatura del Cimitero: Gran delusione questo adattamento tratto da stephen king, la premessa di partenza era interessante e la “creatura” del titolo ha un suo perché , è realizzata davvero bene, tutto il resto invece ahimè era completamente da cestinare e rigirare da capo, il film è letteralmente un giro a vuoto spaventoso con personaggi insignificanti, una regia che non sa che pesci pigliare e un plot davvero troppo striminzito e annacquato a dismisura per durare un’ora e venti, non ci siamo!
    Voto: 4,5

  • Resident Evil: Welcome to Raccoon City

    Resident Evil: Welcome to Raccoon City

    ★★★½

    Resident evil Welcome to Racoon City: Un film che nasce con l’intento di ri-appassionare i fan della omonima saga videoludica rimasti delusi dopo la precedente esalogia  con Milla Jovovich, si riparte dunque dalle origini, da Racoon City e dalla trama dei primi due videogiochi della saga, questo nuovo Resident Evil risulta nel suo insieme un film di puro intrattenimento, con diverse scelte azzeccate a livello estetico (alcune prese di peso dai giochi e altre ex novo) e di scrittura, i…

  • Split Second

    Split Second

    ★★★½

    Detective stone: indubbiamente un piccolo cult di inizio anni 90 sorretto dall’ interpretazione divertita e divertente di Rutger Hauer nei panni del personaggio del titolo in una storia che mescola giallo, fantascienza e horror, peccato che nella parte centrale il film si areni un attimo nel vuoto narrativo per poi risollevarsi alla fine, buoni effetti speciali e un’atmosfera davvero riuscita.
    Ps necessitiamo di un’edizione home video come si deve, l’unica uscita in italia fa a dir poco pietà!
    Voto: 7+

  • The Assent

    The Assent

    ★★★½

    Il Figlio del Diavolo: Dopo Ghosthunters il regista Pearry Teo torna sulle scene con un nuovo horror a tema paranormale, Il Figlio del Diavolo capovolge la tematica della possessione da una diversa prospettiva rendendo la pellicola se non altro abbastanza inusuale e, nonostante la presenza dei vari cliché del caso, senza mai annoiare. La cgi poteva esser curata meglio ma di sicuro non è inguardabile e contribuisce a rendere la figura del demone Abadon se non altro interessante, il regista…

  • Ghostbusters: Afterlife

    Ghostbusters: Afterlife

    ★★★½

    Ghostbusters Legacy: Ennesima operazione nostalgia fatta dagli Americani per ritornare ai fasti del passato con uno dei loro franchise cult degli anni 80, Ghostbusters Legacy si prefigge il non facile compito di riportare in vita la figura degli acchiappa fantasmi al cinema e per buona parte, posso dirlo, stupisce con delle belle trovate, ottimi effetti speciali e una storia che si ricollega al passato onorando lo scomparso Harold Ramis come si deve, tra citazioni e scene che colpiscono al cuore…

  • Ghosthunters

    Ghosthunters

    ★★★

    Ghosthunters: Senza ombra di dubbio il film più decente fatto dall’asylum assieme a Perimetro di Paura, a momenti pare più di vedere un film Blumhouse coi fantasmi mixato con la componente da snuff Movie molto creepy in stile Poughkeepsie Tapes (che speriamo sempre arrivi in italia), nel suo insieme funziona abbastanza nonostante ovviamente ben lontano dall’essere un filmone, per una visione disimpegnata magari anche in compagnia di amici mi sento di consigliarvelo, soprattutto se vi piacciono i film di stampo paranormale!
    Voto: 6+

  • I'm Dangerous Tonight

    I'm Dangerous Tonight

    ★★

    Il Vestito che Uccide: Devo ammetterlo, è una di quelle volte in cui Tobe Hooper mi delude e pure bene, questo suo film parte in maniera anche incoraggiante ma si perde man mano nel corso della narrazione su dettagli inutili e che non servono a niente , per quanto mi riguarda davvero dimenticabile e poi diciamolo (come in tanti altri casi), dura veramente troppo per quel che vuole (forse) raccontare!
    Voto: 4,5

  • The Lords of Salem

    The Lords of Salem

    ★★★★★

    Le Streghe di Salem: A mio modestissimo parere l’opera più matura di Rob Zombie, un trip allucinante e che fa anche da omaggio per diversi amati dallo stesso regista, la lenta discesa nella follia della nostra protagonista Heidi richiama di prepotenza il cinema di grandi autori del passato come Dario Argento, Lucio Fulci, Roman Polanski e Stanley Kubrick, il tutto in salsa Rob Zombiana, questo suo le streghe di Salem riesce ad essere disturbante e al tempo stesso bellissimo grazie…