Evita

Evita ★★★

Evita è un grandioso melodramma operistico in costume. Uno di quei film che fino agli anni ‘90 erano ancora possibili, con gran dispiego di persone, mezzi, scenografie, abiti e quant’altro per ricostruire un mondo che forse non era nemmeno mai esistito, ma aveva comunque un suo senso narrativo, teatrale e cinematografico, come NovecentoGandhi o Il paziente inglese: messinscene in cui la fedeltà storica è l’ultimo dei requisiti e la grandeur invece è il primo.

Pare che film di Alan Parker sia apprezzatissimo da Tim Rice e Andrew Lloyd Webber, gli autori del musical teatrale originale da cui è tratto. In effetti è innegabilmente ben fatto, non lesina in barocchismi, sfrutta le location originali della storia, ha quella fotografia un po’ fumosa che al tempo andava tanto, e soprattutto trova in Madonna la protagonista perfetta: da sempre affascinata dalle icone del passato, ha qui donato a Evita corpo, voce, immortalità nel mondo intero e anche redenzione dai peccati.

Agiografico e certamente insufficiente per la comprensione storica, ma comunque ben fatto.